Presentazione del romanzo "La consistenza dello spirito" di Sara Elisa Stangalino-Schulze

La memoria: il segno che lascia, il segno che crea

Presentazione del romanzo “LA CONSISTENZA DELLO SPIRITO” di Sara Elisa Stangalino-Schulze

Secondo classificato alla terza edizione del concorso “Lorenzo Da Ponte” (2021)
Venerdì 2 dicembre 2022 ore 20.30
Biblioteca Civica di VITTORIO VENETO

“La consistenza dello spirito”, il romanzo di Sara Elisa Stangalino-Schulze giunto al secondo posto nella terza edizione del concorso Lorenzo Da Ponte, sarà presentato venerdì 2 dicembre 2022 presso l’auditorium della Biblioteca Civica di Vittorio Veneto, patria di Lorenzo Da Ponte.

Il romanzo (Diastema editrice), riconosciuto dalla più importante critica italiana, prende spunto da una vicenda reale e narra una storia di vita vissuta. Ha la struttura di un doppio monologo, una narrazione a due voci in cui i protagonisti raccontano, e il ruolo della memoria è importantissimo. L’idea è quella proustiana, del passato che non muore ma vive ancora nel presente e che, anzi, attraverso la memoria (il passato) torna nel presente e porta nel presente una maturazione.

Alla base di tutto, l’arte, nel nostro caso specifico la musica, come termine di paragone per penetrare la realtà, la situazione complessa che i personaggi si trovano a fronteggiare.

 

Interverranno, con l’autrice, Antonella Uliana, Assessore alla cultura del Comune di Vittorio Veneto, e Mara Zia, Diastema editrice. 

Ingresso gratuito

Sara Elisa Stangalino-Schulze

Novarese, diplomata in conservatorio e laureata in Lettere con lode, consegue il dottorato di ricerca in Musicologia con una dissertazione sulla poesia per musica nell’opera veneziana del Seicento.

È autrice di svariate monografie e saggi sulla cultura letteraria e musicale nei secoli XVII-XVIII per editori di rilievo internazionale.

Nel 2019 vince il premio della Alexander von Humboldt Stiftung per la realizzazione di una monografia sulla "Didone abbandonata" di Pietro Metastasio (Merseburger 2021).
Il suo primo romanzo "Sine nomine" (Diastema 2020) ha ricevuto la menzione di merito alla sesta edizione del Concorso Internazionale Michelangelo Buonarroti 2021 (sezione narrativa edita).
Già contrattista nell’Università di Bologna e nell’École française de Rome, è attualmente ricercatore nell’Università di Jena.

Realtà unica in Italia nel suo genere, il concorso Lorenzo Da Ponte è riservato a testi narrativi di carattere musicale. È organizzato dalla casa editrice di Treviso DIASTEMA STUDI E RICERCHE, specializzata in pubblicazioni di carattere musicale, la prima in Italia ad avere una collana interamente dedicata alla narrativa musicale

La casa editrice Diastema, attiva dal 1991, ha esordito con la rivista musicologica Diastema, un periodico di cultura e informazione musicale nato con lo scopo di incoraggiare e diffondere la produzione di articoli originali, saggi musicologici e analitici, proposte di didattica ed estetica della musica, studi sull’opera con l’intento di sviluppare un discorso culturale sulla musica in maniera interdisciplinare. Progressivamente la rivista si è specializzata nell’ambito dell’analisi musicale con particolare riferimento alle problematiche tecniche, musicologiche e filosofiche dell’interpretazione della musica. 

Intorno ai 15 numeri della rivista, che ha ottenuto molteplici riconoscimenti nel mondo musicale e accademico, sono in seguito nate e cresciute diverse pubblicazioni di approfondimento: biografie, studi analitici e di carattere didattico, preziose ristampe di opere vocali e strumentali, saggi e testi narrativi, fino alle edizioni critiche dei trattati che hanno permesso lo sviluppo del pensiero teorico musicale, in collaborazione con l’Università di Padova.

Fin dalla fondazione, l’Associazione Diastema Studi e Ricerche e la casa editrice Diastema sono dirette da Paolo Troncon e Mara Zia.