La giuria e la direzione del Concorso Nazionale Corale

Andrea Figallo, Luca Scaccabarozzi, Vladimiro Vagnetti e Matteo Valbusa pronti per giudicare i cori in gara.
La giuria della 54^ edizione del Concorso Nazionale Corale “Trofei Città di Vittorio Veneto” è ai blocchi di partenza.

La giuria sarà composta da Andrea FIGALLO, musicista, cantante e produttore di successo internazionale, che annovera tra le sue collaborazioni quella con Bobby McFerrin nel suo innovativo CD “VOCAbuLarieS”, uscito nel 2010, nominato a 3 Grammy Awards e vincitore del Outstanding World Music Album agli NAACP 2011. Le sue composizioni ed i suoi arrangiamenti sono registrati ed eseguiti in molti paesi e gli album da lui prodotti hanno ricevuto numerose nominations ai premi CARAs.
Specializzato nella musica corale, di frequente è invitato anche fuori dai confini europei per concerti, seminari rivolti a cantanti e come giurato.
Nel 2019 il M° Figallo è stato assunto come direttore del Bonner Jazzchor (Bonn, Germania) per tenere concerti dal vivo e registrazioni in studio.

Avremo inoltre Luca SCACCABAROZZI, pianista e direttore di coro, che si è laureato con lode presso il Conservatorio di Milano e si è perfezionato in diverse accademie approfondendo lo studio della polifonia rinascimentale. Ha inoltre partecipato a numerose masterclass di pianoforte e direzione di coro con docenti di fama internazionale e ha studiato canto in corsi e seminari.

È fondatore e direttore artistico dell’Ensemble Vocale Mousiké (con il quale ha vinto il 1° premio nella cat.Musica sacra al Concorso Nazionale Corale di Vittorio Veneto nel 2018) e ha ottenuto primi premi in concorsi nazionali e internazionali sia come pianista che come direttore. Dirige inoltre il coro Regina del Rosario e il coro Le Dissonanze. È docente di pianoforte e direzione di coro in prestigiose accademie tra cui la Milano Choral Academy e l’Accademia per direttori di coro di Arezzo. Collabora come cantante con cori professionali tra cui l’Ensemble LaBarocca e Ars Cantica Choir, in cui ha anche ricoperto il ruolo di maestro del coro.

Un altro importante elemento della giuria è Vladimiro VAGNETTI. Diplomato in Oboe e Didattica della Musica presso il Conservatorio di Perugia, ha successivamente conseguito il Diploma Accademico di I livello in Maestro del Coro e il Diploma Accademico di II Livello con lode in Musica Antica – Prassi Esecutiva della Polifonia Rinascimentale. Ha frequentato masters e corsi di perfezionamento presso prestigiose istituzioni musicali italiane inerenti l’oboe, la musica d’insieme, la musica da camera e la direzione di coro.

All’attività di strumentista solista alterna quella di direttore di coro e degli studi sulla prassi esecutiva della musica antica. Dal 1990 al 2005 è stato primo oboe dell’Orchestra Sinfonica di Perugia; ha collaborato tra gli altri con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, i Salzburg Chamber Solist, l’Orchestra da Camera dell’Umbria, l’orchestra e coro “Beati Ubaldes” di Gubbio.

Come membro dell’Ensemble Orientis Partibus di Assisi ricerca ed incide musica medioevale e rinascimentale con strumenti originali. Ha partecipato a tournèe concertistiche in Europa e Giappone e ha partecipato a importanti festival nazionali ed europei. Dal 2006 è fondatore e attuale direttore del Libercantus.

A chiudere la rosa dei giurati, Matteo VALBUSA. Musicista, insegnante e organizzatore di eventi veronese con un'esperienza ventennale sul campo, laureato brillantemente in Scienze dei beni culturali, Direzione di Coro e Direzione d'Orchestra, si è perfezionato in decine di masterclass in tutta Europa e vinto importanti concorsi, tra cui il terzo premio al Concorso internazionale per direttori di coro di Europa Cantat (Budapest 2011).

Ha diretto il Coro della Fondazione Arena di Verona, il Coro Lirico Veneto e compagini quali l'Orchestra di Padova e del Veneto e l'Orchestra Interpreti Italiani.

Guida importanti gruppi amatoriali come Insieme Corale Ecclesia Nova, il Coro Maschile La Stele e il Coro Marc'Antonio Ingegneri di Verona, con i quali sostiene un'intensa attività concertistica.
Insegna presso l'Accademia di Direzione Corale "Piergiorgio Righele", la Scuola per Direttori di Coro della Fondazione Guido D'Arezzo, il Corso stabile per direttori di coro di Sassari.
Fa parte della Commissione Artistica dell'ASAC Veneto e collabora con le più importanti istituzioni corali nazionali e internazionali. È direttore artistico del Festival corale internazionale "VOCE!", del Festival della vocalità "Dodekantus" e del Concorso di composizione ed esecuzione per coro e organo "Caecilia Virgo".

Carlo Berlese è infine anche in questa edizione il direttore artistico, nonché coordinatore della Commissione artistica, di cui fanno parte Manolo Da Rold, Stefano Da Ros, Maria Dal Bianco e Giorgio Susana.

ALCUNE DOMANDE AL DIRETTORE ARTISTICO CARLO BERLESE

Qual è il livello dei cori in gara?

Il livello dei cori in gara è interessante in quanto abbiamo vari cori che hanno già partecipato con successo a vari concorsi, compreso il nostro. In questo periodo difficile dovuto alla pandemia, i cori sono stati costretti a fermarsi per un lungo periodo ma la partecipazione al Concorso di Vittorio Veneto (la più alta tra i concorsi nazionali italiani) è stata giustamente interpretata come un forte stimolo alla ripresa che sarà trainante per tutta la coralità italiana.

Può spiegare in breve in cosa consiste il Progetto Programma?

I cori presentano un programma omogeneo, frutto di uno studio che lega i brani tra loro con un filo rosso spiegato nella presentazione di ogni esecuzione stampata sulla brochure di sala. Questa richiesta del regolamento (peculiarità del nostro concorso), da un lato qualifica e rende interessante per l’ascoltatore il programma presentato, dall’altro mette in evidenza lo studio e la ricerca che c’è dietro alle scelte repertoriali dei cori.

Perché è importante partecipare come pubblico alle fasi del Concorso?

Il questo lunghissimo e difficile periodo di pandemia, abbiamo sperimentato il dramma del silenzio per la musica dal vivo e la mancanza del rapporto col pubblico. Questo ci ha fatto capire quanto questi due aspetti sono vitali per il canto e per la musica in generale. Poter fruire della musica in presenza è senz’altro un bisogno irrinunciabile sia per il pubblico che per chi canta e finalmente i cori potranno cantare a Vittorio Veneto difronte ad una platea in presenza per dare/ricevere le emozioni che solo l’esecuzione dal vivo offre.

IL CONCORSO IN PRESENZA E ONLINE

L’ingresso per assistere in presenza al Concorso Nazionale Corale “Trofei Città di Vittorio Veneto” è libero e soggetto alle disposizioni per contrastare la pandemia.

La diffusione in diretta web del Concorso Nazionale Corale “Trofei Città di Vittorio Veneto” sui canali social del Comune di Vittorio Veneto, grazie al fondamentale apporto del Consorzio di Tutela Prosecco DOC, permetterà poi a tutti gli interessati di seguire a distanza le fasi del Concorso.

 

La trasmissione sarà visibile sui seguenti canali digitali:
www.facebook.com/cncvittorioveneto
www.facebook.com/comunevittorioveneto
www.youtube.com/comunevittorioveneto

54° Concorso Nazionale “Trofei Città di Vittorio Veneto”
23 e 24 ottobre 2021
Duomo di Serravalle e Teatro Lorenzo Da Ponte
Ingresso libero