Caserma di Vittorio Veneto. Siglato il passaggio dal demanio ai Vigili del Fuoco. Una sala della struttura resterà al Comune per le attività legate alla Protezione Civile.

L’accordo per il passaggio dal Demanio ai Vigili del Fuoco della nuova caserma di Vittorio Veneto, realizzata dall’Amministrazione Comunale - è stato siglato ieri nella Sala di rappresentanza del Municipio.

A firmarlo, la dirigente del Settore Infrastrutture e Gestione del Territorio del Comune, Ing. Alessandra Curti, Angelo Pizzin, responsabile per l’Agenzia del Demanio dei Servizi territoriali delle Province di Treviso e Belluno, e l’ing. Giampiero Rizzo dei Vigili del Fuoco.  Al momento della firma, il Sindaco Antonio Miatto ha espresso il proprio compiacimento per il risultato raggiunto. «Il primo ringraziamento - ha dichiarato - va a chi mi ha preceduto e, nello specifico, alle amministrazioni Da Re e Scottà, che hanno iniziato questo percorso, ottenuto i finanziamenti necessari e impiegato molte energie del nostro comune per realizzare una struttura all’altezza delle aspettative, situata quasi in centro città ma dalla quale è possibile raggiungere agevolmente anche le località contermini. Ancora una volta Vittorio Veneto ha dimostrato - con la costruzione delle caserme della Guardia di Finanza e dei Vigili de Fuoco, non solo di avere una visione strategica, portata a compimento grazie all’impegno di molti attori fra i quali l’Agenzia del Demanio, ma anche di essere città generosa, che sa pensare a sé stessa e alle comunità del comprensorio». «La firma di oggi ha spiegato Angelo Pizzin - chiude una vicenda che ha visto coinvolti il corpo dei Vigili del Fuoco, l’Agenzia del Demanio e, soprattutto, l’Amministrazione Comunale che ha messo a disposizione l’area ed eseguito gran parte dei lavori di costruzione della nuova caserma. Un doveroso ringraziamento va quindi fatto al Comune perché si è garantita la cruciale presenza dei Vigili del Fuoco sul territorio. Il Demanio si è fatto parte attiva in questa vicenda, cercando di agevolare e semplificare al massimo tutto l’iter che ha portato all’odierno risultato». L’ing. Giampiero Rizzo, infine, ha così commentato: «La nuova caserma garantisce un presidio che assicura tutti i requisiti necessari al servizio a partire dall’ubicazione che era piuttosto infelice nella vecchia sede. Grazie alla sinergia realizzata tra l’Amministrazione comunale e il Ministero, abbiamo potuto realizzare la nuova caserma che soddisfa in pieno tutte le nostre esigenze operative». Una sala della struttura resterà al Comune per le attività legate alla Protezione Civile.