Verso il centenario del milite ignoto

Il 4 novembre di 100 anni fa, il Vittoriano, monumento che doveva accogliere le spoglie del Padre della Patria Vittorio Emanuele II, diventava invece l’ultima dimora del Milite Ignoto, il soldato senza nome destinato a rappresentare tutti i caduti italiani della Grande Guerra che il conflitto aveva privato della propria identità, negando alle famiglie il conforto di una sepoltura.

Vittorio Veneto intende celebrare degnamente la ricorrenza con una serie di iniziative partite proprio in questi giorni con la concessione della Cittadinanza Onoraria allo sconosciuto soldato che riposa sull’Altare della Patria. L’atto è stato formalizzato proprio in questi giorni dalla Giunta Municipale, sulla scorta della delibera di Consiglio che, nel 2017, ha tributato la cittadinanza onoraria a tutti i caduti del primo conflitto mondiale. Contestualmente - nel quadro del «Progetto Memorie» - è stato realizzato un commovente video, con testi dello studioso Lorenzo Cadeddu, che è stato pubblicato in rete e che proprio alla storia del Milite Ignoto è dedicato. Il video è consultabile al seguente indirizzo: https://youtu.be/_GqC_oud7LA.

Con queste azioni, il Comune di Vittorio Veneto si allinea alle tante località, grandi e piccole, del nostro Paese, che stanno promuovendo iniziative atte a commemorare degnamente il centenario di un simbolo come il soldato ignoto che racchiude in sé e rappresenta l’idea stessa di nazione.

L’Amministrazione Comunale sta inoltre lavorando ad un convegno di studi storici che si volgerà nel prossimo novembre e che sarà accompagnato dalla pubblicazione di due volumi, frutto della sinergia realizzata con il Centro Studi sulla Grande Guerra «Piero Pieri» e con l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano.