«Rive Divine» fa il tutto esaurito. 500 partecipanti e iscrizioni chiuse in anticipo

«Rive Divine» fa il tutto esaurito. Sold out!

Giunta quest’anno al suo settimo appuntamento, la manifestazione che conduce i visitatori a scoprire l’eccellenza enogastronomica delle colline vittoriesi del prosecco, ha dovuto chiudere le iscrizioni con largo anticipo. Sono circa 500 i partecipanti all’edizione 2021 che domenica 6 giugno passeggeranno nel verde a piedi, in bicicletta, in e-bike o in vespa, per gustare - lungo le tappe del percorso - olio, formaggi, salumi, primi piatti, carne, vini tipici e naturalmente dolci.

Tanto successo si spiega certamente con la voglia di ricominciare e il desiderio di lasciarsi alle spalle il grigiore quotidiano e le restrizioni della pandemia ma - come dice Aldo Buosi della Pro Loco di Vittorio Veneto - «ha anche un importante significato turistico dato che molti dei partecipanti arrivano dalle provincie vicine e da fuori regione a testimonianza di un gradimento che aumenta di anno in anno. La manifestazione è nata su proposta di un gruppo di aziende locali, il cui numero è aumentato nel tempo e sia la Pro Loco che il Comune sono stati ben felici di affiancarsi ad esse per costruire costruire un successo che nell’edizione 2021 è andato al di là di ogni previsione, obbligandoci a chiudere le iscrizioni con molti giorni di anticipo sul previsto.

«’’Rive Divine’’ è diventata nel giro di pochi anni una manifestazione importantissima per il nostro territorio - spiega il Vice sindaco Gianluca Posocco. - Un appuntamento che valorizza l’economia delle aziende locali operanti nel settore enogastronomico, all’interno di una realtà come quella delle Colline del Prosecco, diventate patrimonio Unesco dell’Umanità: ambito riconoscimento che ha dato a quest’area un appeal - anche sotto il profilo turistico - i cui risultati ora si cominciano a vedere. Voglio ringraziare tutti: le aziende partecipanti, la Pro Loco, i volontari coinvolti nell’organizzazione che accompagneranno i turisti lungo i percorsi e tutti quei cittadini che, permettendo alla manifestazione di passare sui loro terreni, danno un contributo fondamentale alla valorizzazione del territorio.»