È Pasqua al nido comunale. Regali per i bimbi e abbonate le rette per i giorni di chiusura

In occasione della Pasqua, le Educatrici del Nido Comunale hanno preparato un dono per tutti i loro piccoli alunni costretti a non frequentare la scuola a causa delle restrizioni imposte dall’ultimo Decreto ministeriale: un pacchetto contenente lavoretti da completare a casa.

All’interno ci sono la sagoma dell’uovo di Pasqua su cui incollare decorazioni, la ricetta per fare la pasta modellabile, il puzzle dell’animale della Savanah che caratterizza ogni gruppo di bambini in base al progetto educativo dell’anno e - per i lattanti - una canzoncina animata.

I pacchettini appesi ad un filo all’entrata del Nido sono a disposizione di ciascun bambino dalle 8.30 alle 15.00 di questi giorni prepasquali.

E per le Famiglie? L’amministrazione comunale ha deciso di abbonare le rette per i giorni di chiusura, così come già fatto lo scorso anno scolastico.

«È con grande soddisfazione - dichiara l’assessore alle politiche familiari Antonella Caldart - che, anche dei numeri, rileviamo il gradimento delle Famiglie nostre utenti. Sono convinta che garantire il servizio pubblico del Nido comunale sia, oggi più che mai, un modo concreto per permettere sia alle mamme che ai papà di poter lavorare, con la garanzia e la tranquillità di sapere che il proprio figlio è affidato a professionisti. L’impegno di questa Amministrazione va verso il consolidamento del servizio, cercando anche di garantire la massima flessibilità richiesta, sfruttando al meglio le risorse offerte dall’organizzazione interna».

Nel frattempo, proseguono le preiscrizioni all’anno scolastico 2021-22 che al momento hanno già coperto tutti i posti disponibili. Rimane comunque la possibilità di entrare nella lista di attesa perché, in base alle nuove disposizioni sulla composizione dei gruppi, potrebbero esserci ulteriori posti a disposizione.