Cristina Bruni e Clara Carnelos, istruttori amministrativi da poco in pensione, si offrono volontarie per sostenere i Servizi alla Persona del Comune di Vittorio Veneto

Le procedure concorsuali per l’assunzione di nuovo personale da destinare ai Servizi alla Persona del Comune di Vittorio Veneto dopo un forzato stop a causa dell’emergenza pandemica in atto, stanno ora arrivando a conclusione Nel frattempo, il personale che ha cessato il servizio non può essere rimpiazzato.

Una circostanza che va ad aggravare il carico di problemi che un settore delicato quale quello dell’assistenza sociale si trova già ad affrontare ogni giorno. Consapevoli di questa situazione, due impiegate da poco andate in quiescenza, hanno deciso di sostenere le loro colleghe offrendo la propria collaborazione gratuita finché non sarà possibile sostituirle. Hanno ripreso quindi - gratuitamente - il servizio che hanno appena lasciato per fornire il loro contributo di esperienza almeno fino al prossimo 31 marzo. Si tratta di una soluzione temporanea ma soprattutto di un apprezzatissimo gesto di generosità e solidarietà che è stato formalizzato con una delibera di giunta adottata a gennaio, in applicazione della normativa di settore.