«Panchina Rosa». Rimandato l’evento programmato in occasione del 25 novembre. La Commissione Pari Opportunità promuove la lotta alla violenza sulle donne

Una donna vittima di violenza lascia un vuoto che non può essere colmato. La panchina rosa, - ora che lei non c’è più - è il simbolo del posto che occupava, portata via dalla brutalità. In vista del 25 novembre - Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne – la Commissione Pari Opportunità di Vittorio Veneto aveva messo in agenda un evento aperto al pubblico, nel corso del quale sarebbe stata riposizionata la «panchina rosa», precedentemente installata il 22 novembre, 2016 lungo viale del Cansiglio.

Di recente era stata rimossa per dare continuità al rinnovamento delle panchine lungo tutto il viale. Purtroppo l'evento slitterà a quando sarà possibile tornare a riunirsi in sicurezza. «La panchina occuperà uno spazio diverso - sottolinea la Commissione Pari Opportunità, - più conviviale, vicino ad una zona residenziale e di forte passaggio, ma non prima di essere restaurata». Per l'occasione, sono stati coinvolti i ragazzi di Terra Fertile Cooperativa Sociale che hanno recuperato la panchina in legno e l’anno ridipinta di rosa, in attesa che la giovane writer autrice, Nicoletta Buffoni, originaria di Vittorio Veneto e attualmente residente a Milano, possa tornare a spostarsi dal capoluogo meneghino - ad oggi zona rossa - per completarla e riportarla agli antichi splendori. «Ringraziamo l'artista vittoriese che si è resa disponibile al ripristino della sua opera - concludono dalla CPO - e i ragazzi di Terra Fertile Cooperativa Sociale che hanno lavorato al recupero della panchina, svolgendo un eccellente lavoro e confermando il vero senso delle pari opportunità. Attendiamo tempi migliori, quando il virus allenterà la stretta, per dedicare un momento di riflessione al tema della violenza sulle donne con un evento speciale aperto a tutti i vittoriesi, occasione che non è stata cancellata ma solo rimandata.»