La Giunta Municipale stanzia 15.000 euro di fondi per l’acquisto di PC e Tablet a favore degli studenti delle Primarie e Secondarie di 1° Grado. C’è tempo fino al prossimo 12 dicembre per presentare domanda.

Il testo del Bando pubblico per la richiesta di contributi a fondo perduto, destinati all’acquisto di sussidi informatici per gli studenti, è stato pubblicato oggi all’Albo pretorio del Comune.

Si tratta di 15.000 euro grazie ai quali si potranno ottenere sostegni in denaro per comprare Notebook, Personal Computer e Tablet - dotati di microfono e videocamera - e gli indispensabili strumenti per potersi collegare alla rete ovvero modem/router o «saponette» Wi-Fi. Dalla misura sono esclusi smartphone e telefoni cellulari. Le cifre a disposizione vanno dai 300 euro per l’acquisto di un computer, ai 150 destinati ai Tablet, per finire con i 50 delle «saponette» Wi-Fi. Si tratta di strumenti indispensabili per la didattica a distanza in questo difficile periodo di pandemia.

La misura si inserisce in un quadro complessivo di potenziamento dell’uso di Intenet nelle scuole. Infatti - spiega il sindaco Antonio Miatto - «ad integrazione di quanto già fatto dal consorzio BIM Piave Treviso, in collaborazione con Asco Tlc, abbiamo previsto un investimento di circa 30.000 euro per il potenziamento della banda e per migliorare i sistemi di diffusione della rete all’interno delle nostre scuole Primarie e Medie. Il tutto in linea con le richieste dei Dirigenti scolastici, così da garantire la possibilità di lavorare anche online o a distanza, coerentemente con le nuove modalità di insegnamento».

«Inoltre - aggiunge l’Assessore alle Politiche Scolastiche - Antonella Caldart, abbiamo stanziato ulteriori 15.000 euro per contributi destinati alle famiglie per riconoscere a tutti gli studenti il diritto allo studio, anche a distanza e attraverso le nuove tecnologie. L’iniziativa - aggiunge l’Assessore Caldart - si inserisce nel quadro del progetto “Social: Istruzioni per l’uso” un percorso di media education promosso dal Progetto Giovani di Vittorio Veneto, con l’obiettivo di sensibilizzare gli studenti delle scuole secondarie di primo grado sull’utilizzo corretto dei social network

A differenza del bonus concesso dal Governo, il contributo deliberato dal Comune di Vittorio Veneto amplia la platea dei beneficiari da 20.000 a 40.000 euro di ISee, ed è ammessa anche la presentazione dell'ISee corrente, purché di pari importo. Sono comprese quindi anche le famiglie toccate dalla crisi economica a causa del Covid. Il sostegno è inoltre allargato anche a quanti non hanno la linea telefonica in casa poiché permette l’acquisto di connessioni Wi-Fi tramite le cosiddette «saponette».

Il contributo può essere rendicontato con acquisti compiuti a partire dal 1° marzo 2020. Si sottolinea che le domande andranno presentate entro le 12.00 del prossimo lunedì 12 dicembre. Possono fare richiesta le famiglie residenti nel Comune di Vittorio Veneto con figli minori che frequentano la scuola Primaria o Secondaria di I° grado e i minori in affido o inseriti in comunità, con domicilio nel comune di Vittorio Veneto. La modulistica è a disposizione sul sito dell’Amministrazione e per informazioni è possibile telefonare ai Servizi Scolastici del Comune (0438 569310) oppure inviare una mail all’indirizzo scuola@comune.vittorio-veneto.tv.it.