Riprende l’attività di manutenzione armi e reperti al Museo della Battaglia

In questi giorni, dopo la breve pausa estiva di agosto, sono riprese le operazioni di manutenzione armi e reperti presso il Museo della Battaglia.

Si tratta di un intervento importante, effettuato sulla raccolta oplologica dell’Istituto, che conserva una collezione fra le più interessanti del settore. L’attività è stata resa possibile in virtù di un apposito Protocollo d’Intesa sottoscritto alcuni mesi fa con l’Esercito Italiano. Grazie ad esso, l’attività di manutenzione dei materiali, è stata affidata agli specialisti della 132^ Brigata Corazzata Ariete di Pordenone.

Si tratta di un’esperienza unica nel suo genere, molto apprezzata anche dalla Soprintendenza competente che ha convintamente autorizzato l’iniziativa.

L’assessore alla Cultura Antonella Uliana, ringrazia «le Forze armate, sottolineando l’encomiabile lavoro che i militari della Brigata Corazzata Ariete di Pordenone stanno svolgendo. In questi giorni - prosegue l’Assessore - ho fatto loro nuovamente visita, complimentandomi per la professionalità con cui stanno operando. L’intervento - spiega Uliana - non riguarda solo la manutenzione tecnica e il recupero fisico dei reperti in dotazione ma offre anche un’alta consulenza scientifica, che sta permettendo alla nostra struttura museale di aggiornare il registro di inventario dei beni con informazioni utilissime quali la descrizione del reperto con relativa matricola, la valutazione monetaria del bene ed altro ancora. Questo ci consentirà di valorizzare al meglio i materiali all’interno del percorso espositivo che sarà così reso più leggibile e coerente, in particolare nelle sezioni Trincea e Armeria Marson».

A ottobre verrà anche organizzata una serata con ingresso gratuito al Museo dove sarà possibile per la cittadinanza visitare le sale espositive con i reperti restaurati ed assistere ad una dimostrazione dell’attività manutentiva in corso.