Un servizio bus al passo con i tempi

Vittorio Veneto al centro di una rete di trasporto che integrerà i comuni viciniori

Il comprensorio del vittoriese ha bisogno di un sistema di trasporti al passo con le sfide dei tempi che ci apprestiamo a vivere.

"Nei prossimi anni - spiega il Sindaco Antonio Miatto - , quanto a numeri, siamo destinati a misurarci con una mobilità in crescita. Si pensi soltanto a quali ricadute avrà sul territorio la trasformazione delle colline del Prosecco in patrimonio dell'Unesco".

 I temi del trasporto pubblico locale sono stati affrontati oggi nel corso di una riunione che si è tenuta al Municipio di Vittorio Veneto ed alla quale hanno preso parte, oltre alla componente tecnica, anche sindaci e rappresentanti delle amministrazioni di Sarmede, Fregona, Revine Lago, Tarzo, Colle Umberto e Cappella Maggiore e del gruppo "Nuova Voce", anch'esso di Cappella Maggiore e Anzano che, nato nel 2017, punta a rinnovare l'impegno dei giovani verso la cosa pubblica.

Come implementare il servizio bus ampliandolo ad un'area più vasta?

Questo il problema dibattuto nel corso del confronto odierno.

"La conclusione alla quale, con i colleghi Sindaci, siamo approdati - conclude Miatto - è che la nostra città deve porsi al centro di una rete di trasporto che integri i comuni viciniori in modo che il territorio diventi fruibile per tutti così da poterne sfruttare al meglio le possibilità sia in termini di servizio reso ai cittadini sia in chiave turistica. Di fronte ai cambiamenti in corso dobbiamo guardare al problema con un'ottica rinnovata. Per questo è nostra intenzione coinvolgere gli enti competenti, presentando lo scenario che si sta delineando, in modo da arrivare quanto prima allo sviluppo di una nuova progettualità legata al trasporto pubblico e da avviare la necessaria sperimentazione".