Allarme Meteo - aggiornamento del 30 ottobre 2018

Il Centro Operativo Comunale di Vittorio Veneto, che ha la responsabilità di coordinare le attività di protezione civile a livello locale, rimane attivo.

La decisione è motivata dal perdurare delle precipitazioni che da 24 ore stanno flagellando la nostra regione. Gli uffici del Municipio sono rimasti aperti tutta la notte, in costante contatto con la Prefettura e i Vigili del Fuoco, per fare fronte alle emergenze causate dal maltempo. Il servizio rimarrà in funzione anche nella notte entrante in quanto l’allarme rosso proseguirà fino a domani.

I danni maggiori si sono verificati in Val Lapisina, causati della violenza del vento e della pioggia che hanno prodotto smottamenti, sradicato alberi, scoperchiato tetti, divelto cartelli stradali, danneggiato le linee elettriche - con conseguenti black-out - e prodotto danni a molte strutture. Fortunatamente non si lamentano feriti.

In queste ore, uomini e mezzi del Comune sono impegnati nella fase post-emergenziale con l’obiettivo di garantire prima di tutto la circolazione sulla rete stradale che deve rimanere aperta per assicurare il movimento dei mezzi e delle squadre di soccorso che dovessero essere chiamati ad intervenire.

Il Sindaco Roberto Tonon, ha tracciato un bilancio di quanto accaduto nelle scorse ore: «Ieri sera, dopo le ore 19.00, le avverse condizioni metereologiche ed in particolare il forte vento e l’intensa pioggia, hanno causato  notevoli danni nella zona della Val Lapisina. Molti alberi di alto fusto sono stati divelti travolgendo i cavi di distribuzione dell’energia elettrica. Ciò ha determinato un prolungato black out, non ancora totalmente risolto, che ha interessato la parte nord del Comune ed altri territori. La Strada Statale n. 51 di Alemagna è rimasta chiusa al traffico dal casello di Vittorio veneto nord al Confine Comunale di Sella Fadalto. La viabilità della zona - all’interno del nostro territorio - è rimasta bloccata in più punti fino a notte fonda. Oltre 1.000 persone si sono ritrovate isolate per ore. Alcuni borghi non sono ancora raggiungibili e restano privi di energia elettrica. I danni alle linee dell’alta tensione hanno riguardato anche la zona di Rindola che è rimasta inaccessibile a lungo. ‘’Prealpi Soccorso’’, con una squadra di volontari accreditati al C.O.C., ha contribuito allo sgombero delle strade comunali. Oggi sono già stati segnalati smottamenti nella zona collinare.
Chiunque riceva segnalazioni è pregato di inoltrarle alla Polizia Locale, il numero di riferimento per le emergenze è 0438 57018".